Seleziona una pagina

Cosa sarebbero le foto senza un ritocchino qua e là? Nonostante i miglioramenti delle fotocamere dei nostri smartphone, ogni tanto è necessario un intervento di editing: potrebbe essere necessario tenere sotto controllo la saturazione, la luminosità oppure potrebbe essere necessario aggiungere un filtro per mantenere un filone cromatico sul nostro profilo Instagram. Qualunque sia la nostra esigenza, è importante usare l’app giusta. Le migliori? Le seguenti.

1) PRISMA

Disponibile per iPhone e per Android, si compone di una ventina di filtri. L’effetto finale? Permetterà alle nostre foto di riprendere lo stile di quadri famosi, da Munch a Picasso. Semplice da usare, è un must-have.

Bonus: non presenta alcuna pubblicità.

2) VSCO

Inizialmente disponibile solo per iPhone (App Store) e approdata poi anche in casa Android (Google Play), è un’app di editing fotografico imperdibile. Dotata di fotocamera in-app, ma utilizzabile anche su scatti già effettuati, offre una vastissima gamma di preset gratuiti cui si affiancano pacchetti a pagamento e gli esclusivi effetti accessibili attraverso la sottoscrizione dell’abbonamento VSCO X.

3) Adobe Photoshop Lightroom

Dotata di un’ampia gamma di strumenti, permette di modificare le nostre foto in maniera sbalorditiva. Dotata di fotocamera in-app, onsente di scattare foto (in formato DNG) e condividerle sui principali social network. Nella versione gratuita sono disponibili effetti, filtri e strumenti per regolare esposizione, luminosità e chiarezza. Nella versione a pagamento diventa sempre più interessante, potente e semplice da utilizzare. È un’app in continuo aggiornamento, che sorprenderà anche i più scettici.

4) PIXLR

È un’app capace di accontentare chiunque, realizzando fotoritocchi di livello avanzato. Munita di filtri e strumenti d’ogni genere, consente anche di aggiungere bordi o adesivi e creare collage di foto. Il risultato può essere salvato sul nostro dispositivo oppure condiviso online tramite uno dei servizi supportati.

Insomma, non c’è che l’imbarazzo della scelta!