Seleziona una pagina

L’utilizzo dei social media e la presenza sul web sono canali di comunicazione da cui ogni azienda, brand o artista non può più prescindere.

La rivoluzione tecnologica di cui siamo testimoni da alcuni decenni a questa parte fa sì che una strategia mirata e ben congegnata possa favorire la crescita dei brand.

La funzione principale dei social network è comunicare: per questo motivo, aprire un profilo Facebook/Instagram/Twitter non deve essere visto come un mero mezzo di vendita, ma di comunicazione dei prodotti stessi. Insomma, stiamo parlando di marketing a 360°.

La difficoltà maggiore che un’azienda oppure un soggetto promotore incontra sta nel capire come comunicare, ma soprattutto cosa; per questo motivo il fai-da-te non è consigliabile. Affidarsi a professionisti e lasciarsi guidare è la prima, fondamentale regola per ottenere una comunicazione aziendale efficace.

Come sopravvivere alla giungla social?

A monte, è necessario eseguire un’analisi dettagliata dell’attività dell’azienda oppure del brand, da cui trarre poi i punti fondamentali della comunicazione legata all’azienda (mission, obiettivi…). Bisognerà poi prendere in considerazione l’analisi del social network più adatto per veicolare i messaggi: un negozio, per esempio, trarrebbe maggior vantaggio da Instagram. A questo punto, sarà utile stilare un calendario editoriale: permetterà al professionista oppure al singolo utente di organizzare con precisione e lungimiranza le pubblicazioni, trasmettendo i messaggi predeterminati in maniera coerente con i prodotti offerti e il target.

Già, il target. Quante volte abbiamo sentito questa parola, senza comprenderne il reale significato?

Si tratta della fetta di pubblico cui ogni produttore / imprenditore / influencer deve puntare, quella cioè disposta ad ascoltare il nostro messaggio e a trasformare l’ascolto in azione, sia essa rappresentata dall’interazione (si veda Instagram) oppure dall’acquisto.

Con la chiusura di Google+, il declino di Facebook e l’ascesa di Instagram, tutte le operazioni appena descritte necessitano di continue revisioni e adattamenti ma rappresentano comunque le linee guida basilari di una comunicazione che, oggi più che mai, deve imparare dai canali tradizionali e mantenere il passo con i tempi.

Considerando i 179 milioni di utenti totali iscritti ad almeno un social network e le sconfinate possibilità che l’uso dei social stessi ci offrono, è ora di rispolverare i manuali di marketing. Oppure chiamare un professionista di fiducia.